Il mio viaggio riparte da Chiang Mai in direzione Chiang Rai, e proprio a 15 km da quest’ultima si trova il meraviglioso e stravagante Wat Rong Khun, meglio conosciuto come “Tempio bianco”. La tappa qui è d’obbligo… Come altre meraviglie sparse nel mondo, anche questo tempio ha la capacità di lasciare i suoi visitatori a bocca aperta!

E’ un’opera dell’artista contemporaneo Chalermchai Kositpipat che, scoprendo il buddismo nel 1992 attraverso esperienze monacali, decide di iniziare la ristrutturazione del Wat Rong Khun nel 1997. Ma quello che non sapevo è che il tempio non è stato ancora del tutto completato. Chalermchai sta istruendo alcuni suoi discepoli affinché possano completarlo dopo la sua morte.

Di sicuro non ci si trova davanti ai classici templi thailandesi dorati o dai colori sgargianti. Il colore bianco è stato scelto dall’artista per rappresentare la purezza del Buddha e i suoi intarsi fatti a mano sono curati nei minimi particolari. Il “Tempio bianco” è stato ispirato da elementi del buddismo come i naga, i fiori di loto e gli elementi lanna. L’artista li ha sviluppati e modellati arricchendoli di ornamenti.

Infine, questa splendida costruzione, è stata circondata da vasche, fontane e ponti di mattonelle di vetro trasparente che simboleggiano la saggezza del Buddha. All’interno il tempio ospita una statua di cera dell’abate del wat accompagnata da musica pop-thai a tutto volume.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 12 giorni / 10 notti

da € 2.690 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 2.350 - Voli esclusi

viaggio in Sri Lanka senza barriere

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.060 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Pamela questa volta ci descrive il suo viaggio alla volta del famoso “triangolo d’oro”, un luogo mitico. Qui infatti, il fiume Mekong e la cittadina di Sop Ruak si incontrano, per creare un confine naturale tra tre paesi; la Thailandia, il Myanmar e il Laos. Il suo nome deriva dalla produzione mondiale di oppio, che negli anni sessanta e settanta, veniva commerciato proprio in questa zona, definita strategica.

Bangkok, 20 Settembre 2016.

Il mio viaggio in Thailandia non poteva che iniziare da Bangkok, capitale dell’esotico Siam e città caotica e cosmopolita per eccellenza. Il grande fiume Chao Phraya, spina dorsale di una rete di canali, la divide in due. Proprio per questo motivo Bangkok ha assunto il titolo di “Venezia dell’Est”.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011


Continua a seguirci su