Riportiamo alcuni stralci dell’articolo della nostra Pamela Cazzaniga, pubblicato su Agenda Viaggi.

Il Triangolo d’Oro, India.

O la si ama o la si odia. L’India non ha mezze misure. L’impatto con questo Paese è forte, ma vi assicuro che al vostro rientro non sarete più gli stessi. L’India ti rapisce, ti arricchisce, ti forgia, ti scuote, ti ammalia… L’India è l’India, non vi sono eguali! Visitarla significa vivere una vera e propria esperienza di vita. Con questo mio report vi porto virtualmente in una delle zone dell’India più turistiche e più visitate in questi ultimi anni, il Triangolo d’Oro!

Clicca subito qui per scoprire il nostro viaggio accessibile nel Triangolo D`Oro in India!

La sua capitale, New Delhi, è situata nel nord del Paese. Trafficata, inquinata e popolosa, è un mix di culture e di storia. E’ una della più antiche città abitate del mondo e fu rinominata capitale quando l’India ottenne l’indipendenza dal dominio britannico nel 1947. Nella parte nuova di Delhi sorge il più alto minareto in mattoni del mondo: il Qutb Minar, composto da cinque piani per un totale di 72,5 metri. Appartiene al complesso di Qutb, insieme di monumenti che vennero eretti durante il regno del primo sovrano del Sultanato di Delhi. I successivi sovrani hanno aggiunto gli altri edifici negli anni seguenti. Tra i più importanti, oltre al famoso minareto, vi sono la moschea Quwwat-ul-islam, la colonna di Ashoka e la porta di Ala-I-DarwazaL’intero complesso è accessibile in sedia a rotelle. Da una attrazione antica a una moderna: il Lotus Temple. Questo tempio bahai fu ultimato nel 1986 e ha l’aspetto di un bocciolo di fiore di loto formato da ventisette petali di marmo bianco appoggiati su nove piscine. Una vera delizia per i nostri occhi! Potrebbe sembrare utopia ma questo tempio non è dedicato ad alcun credo religioso. Totalmente accessibile in carrozzina. Dalla New alla Old Delhi, parte vecchia della città cinta da mura. Fu fondata dall’imperatore Moghul Shan Jahan nel 1639 col nome di Shahjahanabab. L’atmosfera qui è totalmente diversa: sporcizia, povertà e disordine si mescolano nel caos cittadino ma, ciò nonostante, i sorrisi non mancano mai. Per toccare con mano questa cruda realtà vi consiglio di noleggiare un risciò o un tuk-tuk e di girovagare per le strette viuzze dove si estende il loro mercato. Il vostro cuore sobbalzerà ma avrete percorso un tratto di “India vera”. Sfortunatamente inaccessibile in sedia a rotelle per via di numerosi gradini, nel centro di Old Delhi, si erge una tra le più famose moschee dell’intero Paese: Jama Msjid. Il suo cortile può contenere fino a 25000 fedeli e ospita numerosi reperti tra cui una copia del Corano scritta su pelle di cervo.

L'INDIA PIU' SUGGESTIVA IN UN MAGICO TOUR: IL TRIANGOLO D'ORO

Dalla capitale raggiungiamo Agra, città situata nell’India settentrionale nello stato di Uttar Pradesh. Agra è divenuta famosa per quello che è diventato il simbolo di tutta l’India: il suo bellissimo Taj Mahal, da sempre considerato una delle più notevoli bellezze dell’architettura musulmana in India ed è entrato a far parte dell’UNESCO come patrimonio dell’umanità il 9 Dicembre 1983. Nel 2007 è stato inserito tra le nuove sette meraviglie del mondo. Le fotografie non rendono giustizia, la sua maestosità e la sue eleganza lascia tutti di stucco! Pensate che ci sono voluti ben 22 anni per costruirlo! E’ completamente accessibile in sedia a rotelle tranne l’interno dove vi sono custodite la tomba dell’imperatore e quella della moglie.

Altro patrimonio UNESCO di Agra è il Forte Rosso, sito a circa 2,5 km a nord-ovest del Taj Mahal. La fortezza prende il nome dall’arenaria rossa, materiale utilizzato per la sua costruzione. E’ accessibile in carrozzina ma è consigliato usare un propulsore elettrico per superare alcune importanti salite. Tra le sue bellezze visitabili all’interno ci sono la Sala delle Udienze Pubbliche, quella per le Udienze private, il Bazar delle Signore, i giardini curatissimi e quel che resta del palazzo di Akbar. Il bello di girare per le strade di Agra è anche quello di vedere le mucche, considerate sacre in India, che involontariamente rallentano il traffico. La precedenza va anche a loro, nessuno le sposta o le caccia dalla strada. Qui è normale trovarle in mezzo alla carreggiata e passarci di fianco con i mezzi più disparati utilizzati dai locali.

Il tour del Triangolo D’Oro  si conclude a Jaipur, capitale del Rajasthan che porta le tracce della famiglia reale che un tempo governava la regione e che nel 1727 fondò questo capoluogo che prese il soprannome di “città rosa” per il caratteristico colore degli edifici.Il suo Palazzo Reale è tra le prime attrazioni da visitare in questa capitale indiana. E’ noto anche come “City Palace” ed è un complesso formato da più edifici come i palazzi del Chandra Mahal e del Mubarak Mahal, autentici capolavori architettonici. Nonostante una parte sia aperta al pubblico, ancora oggi ha la funzione di residenza reale. I suoi colori rosa e crema lo rendono incantevole e lo comparano a una delle regge che si è soliti immaginare leggendo un libro di fiabe. Accessibile in sedia a rotelle.

La residenza antica dei Maharaja è invece il Forte di Amber, fortezza situata a 11 km da Jaipur. Questo Forte, con le sue imponenti mura e le serie di porte, presenta elementi artistici in stile indù e domina dall’alto il lago Maota, principale sua riserva idrica. Fu costruito in arenaria e marmo e si sviluppa su quattro livelli, ognuno con un cortile. Non tutti i livelli sono completamente accessibili in carrozzina ma, con un piccolo aiuto, non è difficile visitarlo interamente. Le pietre preziose incastonate nelle porte e nelle varie sale vi stupiranno per la loro appariscenza! Vi consiglio di percorrere la salita per arrivare in cima al Forte sul dorso di uno dei tanti elefanti disponibili all’ingresso. Stare sul baldacchino posizionato sul dorso di questo enorme mammifero è sicuro, anche per chi ha problemi di mobilità. Avete terminato il tour e non avete fatto shopping? Non allarmatevi, Jaipur è la città che fa per voi! Nella parte vecchia, lungo la strada, si snoda un enorme bazaar che vende di tutto, dai monili alle pashmine, dagli abiti ai souvenir. Mi raccomando, contrattate il più possibile!

L'INDIA PIU' SUGGESTIVA IN UN MAGICO TOUR: IL TRIANGOLO D'ORO

Per leggere l’articolo in versione integrale:

L’INDIA PIU’ SUGGESTIVA IN UN MAGICO TOUR: IL TRIANGOLO D’ORO

 

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 4 giorni / 3 notti

da € 400

Articoli che potrebbero piacerti

Proprio così avete letto bene; non stiamo parlando di Ariel la famosa sirenetta del cartone della Disney o di figure mitologiche, ma di ragazze in carne e ossa. Fra i lavori più curiosi del mondo infatti è nato da alcuni anni un corso specializzato che insegna alle ragazze come muoversi da sirena. In origine veterinaria, […]

un sogno chiamato Olimpiade

La storia di Giorgia ci fa comprende quanto è possibile coltivare i propri sogni nonostante le difficoltà che la vita ci pone sul nostro cammino. Questa splendida bambina ha una grande passione: la ginnastica artistica, che inizia a praticare all’età di cinque anni. Trascorre diverse ore in palestra ad allenarsi, ma anche quando è a […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

sono interessato ai programmi:

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011


ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI